logotype
logotype
image1 image2 image3

Prossima Uscita: Sabato 15 Dicembre 2012

Prossima Uscita: 15 Dicembre 2012.
Luogo: Colli Euganei - Escursione sul Monte della Madonna e sul Monte Grande.

Iscrizione in sede entro Giovedì 13 Dicembre

Ritrovo presso il parcheggio di Piazza Mar del Plata alle ore 7.30.

Brevi informazioni sull’escursione:
Equipaggiamento: da scampagnata invernale
Difficoltà: Escursionista;
Tempo di percorrenza A.R.: ore 5;
Dislivello: 500 m.

L’escursione si svolgerà con mezzi propri e solo con bel tempo. Pranzo in trattoria o al sacco.
Referente Zanin Gianpaolo cell. 3339194404

Dalla piazza di Carbonara, frazione di Rovolon, ci portiamo nella borgata Ghetto di sopra (il termine “ghetto” è comune nei Colli Euganei, se guardiamo la cartina lo troviamo anche sopra a Teolo, ma di solito non deriva dalla presenza di nuclei di fede ebraica ma significa, semplicemente, gruppo di case fuori dal paese), e da qui alla Via S. Giorgio, che corre alle pendici settentrionali del Monte della Madonna.

Percorso ca. un chilometro, poco dopo aver costeggiato il poggio con la chiesetta di S. Pietro, che dipendeva anticamente dall’Abbazia di Praglia, prendiamo , sulla destra, un viottolo che entra nel bosco di robinie e castagni, tipico dei colli, e, percorrendone il versante occidentale e poi orientale, sale al Monte della Madonna; con una breve deviazione si potrebbe anche visitare il piccolo Eremo di S. Antonio Abate, del 1300, già visto in una uscita dello scorso anno ma sempre affascinante. Il sentiero sbuca sulla strada asfaltata che sale da Teolo, ormai nei pressi del Santuario della Madonna del Monte.

Dopo una visita al complesso benedettino, pesantemente restaurato, soprattutto nelle parte sud, ma ancora interessante nell’interno della Chiesa, semplicissimo, e nel bel chiostro visibile da una porticina ad inferriate, scendiamo, nel versante orientale, al Passo Fiorine ( ca. m 360, ore 3) dove potremo rifocillarci (moderatamente ed economicamente) e riscaldarci al Ristorante “La baita”.

Riacquistate le forze proseguiamo l’itinerario evitando di scendere ripidamente a Rovolon per il sentiero diretto, che in questa stagione è sicuramente sdrucciolevole, e percorriamo un ampio giro sulle pendici settentrionali del Monte Grande, evitandone la cima, deturpata da enormi antenne e parabole. In un’oretta e mezza arriviamo a Rovolon, dove avremo lasciato una macchina per andare a riprendere le altre a Carbonara.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna